Un Meridionale in Inghilterra

lunedì, luglio 10, 2006

CAMPIONI DEL MONDO! CAMPIONI DEL MONDO! CAMPIONI DEL MONDO!

Che giornata perfetta, non si poteva chiedere di meglio! Campioni del mondo!
Il tutto inizia nel migliore dei modi: davanti ad un piatto di pasta e polpette. Proprio il giorno della coppa, io e Anto ci ricongiungiamo, dopo 2 mesi di chicken and potatoes, con la cucina italiana! Il tutto è opera della fantasmagorica e mitologica Fior di Zucca: vi assicuro che quella reale è molto meglio di quella virtuale. Abbiamo mangiato come non mai in terra straniera, facendo bis, tris, quarantis di tutte le portate, chissà se siamo passati per dei mangioni senza ritegno, ma l’occasione era veramente speciale. Tipico pranzo meridionale: quattro ore non stop a tavola! Spaparanzati sul divano pensavamo dove dipingerci la bandiera dell’Italia e magari quella della Francia, meno male che alla fine ha prevalso il buon senso; si optato per sobrie bandierine e cuoricini sugli zigomi, braccia e cozzetti!
Alle 17:15 ci incamminiamo verso il nostro “Bar Sport” di fiducia. Attiriamo la simpatia e i sorrisi di tutti quanti, quando è proprio un inglese che ci ferma e pronostica che un netto 2 a 1 per la nazionale italiana. Mentre ancora eravamo impegnati a fare i dovuti scongiuri, un drappo azzurro sull’albero catalizza la nostra attenzione: “Vuoi vedere che è un segno premonitore?”. Dando ancora una ripassata ai gioiellini di famiglia, raggiungiamo la meta agognata. Nuovamente panico. Nonostante siamo arrivati con un’ora di anticipo, non c’è neanche una poltroncina per noi. Ripieghiamo sull’unico tavolino libero, proprio dietro ad un gruppetto di francesi o presunti tali. Anche questa volta il pubblico è molto variegato. Italiani, cechi, inglesi e gli immancabili amici venezuelani grandi supporter degli Azzurri, mentre il gruppo di francesi è veramente striminzito, ma molto combattivo. A partita iniziata la tensione è oramai alle stelle e al calcio di rigore ero già convinto della disfatta: sono un interista. Le urla francesi si fanno più forti per i primi minuti, fino a quando arriva il nostro pareggio. Il mitico venezuelano con maglietta alzata e fuori di senno, si esibisce in movimenti pelvici sotto il naso dei francesi, gridando “This is a goal, no FUCKING penalty”. Per qualche minuto abbiamo sfiorato la rissa. La partita è andata avanti così, con i tifosi francesi che incitavano la loro squadra e i tifosi italiani che, come al solito, borbottavano e cercavano di contattare telepaticamente Lippi, suggerendo le giuste scelte tecniche. Superbo è stato il quadretto di tre piccolissime tifosi inglesi-italiane, con le magliette di Totti, Toni e Giardino che gridavano con un delizioso accento inglese: “Italia, Italia, Italia”. Da quel momento ci abbiamo creduto. L’uscita di Zidane è stata salutata con una raffica di insulti: i francesi erano ormai disarmati. I rigori sono stati al cardiopalma, eravamo fermi e immobili, ma nel nostro cuore già esultavamo. Il rigore sbagliato di Trezeguet e quello segnato da Grosso hanno scatenato il putiferio e finalmente abbiamo potuto gridare “Campioni del Mondo”. Non sapete la sofferenza di non poter sentire le parole dei telecronisti italiani. Ci abbracciamo e baciamo anche con i francesi, che si congratulano con noi. Un tipico italiano, munito di baffi neri e panzone in preda alla follia cieca si alza sul tavolo e inizia ad urlare milioni di volte “Gattuso facci vedere il pisello, che qui abbiamo la braciola in caldo per te!”. Delirio quando Cannavaro alza la Coppa del Mondo. Sorridenti e soddisfatti ci riversiamo in strada per strombazzare con la nostra trombetta e chiamare i parenti in Italia. Mentre cercavamo di farci delle foto di rito per immortalare questo momento, un gruppo, prima di arabi e poi di inglesi, si unisce a noi!
Ma dovevamo venire proprio in Inghilterra per vincere i mondiali?

8 Comments:

  • abbiamo vinto, siamo i campioni del mondo, che bello!!! bau bau bau

    By Anonymous lizzy, at 1:09 PM  

  • Qui al lavoro devo ancora iniziare a fare qualcosa. Oggi ho portato paste e pasticcini per tutti i miei colleghi inglesi. Non si parla d'altro. Hanno cercato di tagliarmi il codino, come Camoranesi. Non se ne parla proprio. Il tricolore sventola dal soffitto sulla scrivania. Una bottiglia di asti spumante troneggia sulla scrivania del mio collega Francese (un gentile dono da parte mia, per celebrare il loro secondo posto).
    Graie 2006 per tutte queste soddisfazioni :-)

    By Anonymous Roberto, at 1:55 PM  

  • Campioni del mondo, Gab!
    Anch'io interista come te (sempre più rari) ho sviluppato, giocoforza, un pessimismo calcistico :-)
    Possibile che si debba aspettare che le nostre rivali finiscano in B o in C per vincere un campionato?
    Cavoli loro :-D
    In bocca al lupo per il vostro lavoro!
    Ciao.

    By Blogger Frank, at 6:42 PM  

  • stessa conclusione della tua..nel 1982 avevo 8 anni ricordo e non ricordo ora che potevo gustrami la festa "cosciente-MENTE" mi ritrovo in ILLINOIS, USA dove hanno anche osato interrompere la finale per aggiornare i telespettatori sul Torneo di Golf...

    By Blogger PiB, at 8:05 PM  

  • Dimenticavo, da ieri sera c'e' un interista in piu'. Avevo detto che se segnava Materazzi diventavo interista, ed eccomi qua. Col cuore nerazzurro :-)Ma gioca ancora Mazzola?

    By Anonymous Roberto, at 11:34 PM  

  • Per Lizzy: Anche zora ha festeggiato la vittoria dell'Italia, anche se lei non ama molto i rumori dei clacson e dei mortaretti.
    Per Rob: Sono grandi soddisfazioni! Pensa che il mio hostfather da ieri sera fa niente che non sia successo niente...invece l'Italia è Campione del mondo e per 4 volta.
    Per quanto riguarda l'Inter, benvenuto nel club della sofferenza!
    Per Frank: Pensavo che gli interisti non esistessero più! Solo noi, purtroppo, conosciamo la vera sofferenza calcistica. Cmq vedrai che prima o poi anche per noi ci sarà qualche soddisfazione. Ciao.
    Per Pib: Io nell'1982 avevo un'anno quindi non ricordo niente. Sai cosa mi è mancata: la telecronaca in italiano. Volevo sentire: Campioni del mondo!

    By Blogger Gab, at 12:13 AM  

  • ragazzi, restate in Inghilterra altri 4 anni...o almeno altri 2!!


    La voce di Nando Martellini fa eco in tutti i blog!

    By Blogger ape, at 7:43 AM  

  • anche io volevo sentire campioni del mondo e quindi poi mi sono sintonizzato sul canale spagnolo...sai com'è!Una faccia una razza

    By Blogger PiB, at 5:20 PM  

Posta un commento

<< Home