Un Meridionale in Inghilterra

mercoledì, luglio 19, 2006

SALDI SALDI SALDI
Special guest: Anto
Con la seguente, rispondo al richiamo della mia cara Cannella, che mi ha invitato a postare un acquisto a saldi. Premettiamo: non è che ci sono tanti soldi da spendere (anzi non c'è proprio niente!), ma il mio costumino rosso cede già da tempo, vuoi perchè il costume è un po' vecchiotto e vuoi, anche, per la mia dieta inglese a base di pollo. Mentre questa mattina ci aggiravamo in centro città nella maledetta ricerca di qualcosa da fare ...una vetrina colpisce la mia attenzione: saldi dal 70 al 90%. Vuoi vedere che questa è proprio l'occasione di un costimino nuovo! Entro in un labirito e per trovare i costumi ci metto 10 minuti...il negozio era di 10 metri quadrati! Allora la signorina in questione (io), non è di gusti facili perchè il papà ha un negozio di articoli sportivi! Subito testo la qualità della merce e mi convinco che potrebbe anche andare bene;).
Lo scaffale è un vero macello, i costumi sono la tutti ammassati senza nessun ordine. Guardo i modelli e scarto tutti quelli che potrebbero farmi sembrare un insaccato. Alla fine trovo un modello che può andare e qui arriva il dramma: la taglia. Già per me è un argomento drammatico di per sè...ma quando ti trovi davanti a taglie incomprensibili è molto peggio! Un vita spesa in un negozio di articoli sportivi non è bastata: a cosa corrisponde 10, 12, 14 ecc? Cerco di ricordare, ma non mi viene in mente niente..allora inizio a misurare ad occhio, mi convinco che la 14 forse è la taglia per me, scelgo un po' di modelli e mi dirigo verso la prima commessa. Chiedo dove posso misurare i costumi e lei mi risponde: "mi dispiace ma qui non ci sono camerini"; rimango sconcertata anche perchè io non compro mai niente senza misurarlo e le dico che il mio problema principale è la taglia. Ingenuamente fiduciosa della bravura della commessa, le domando a cosa corrisponde la taglia 14; lei mi risponde "non so, io porto la 12, la 14 è più grande". Sconcertata cerco nella sua figura qualche punto di riferimento, ma è più forte di me non riesco a paragonarmi ad una inglese :D. La ringrazio per avermi detto che dopo il 12, c'è il 14 e cerco il suggerimento di Gab. La commessa rimane davanti a me e muta per tutto il tempo, forse pensava ancora che stessi prendendo ad occhio le misure del suo corpo. Dopo almeno 10 minuti, mi chiede scusa e si defila. A questo punto mi convico che la 14 è quella giusta e vado alla cassa, sperando in un commesso più competente. Al mio turno, gli chiedo "mi sa dire a cosa corrisponde la 14, forse alla M?" e lui "non lo so!" prende il metro e mi dice "vuole che misuriamo?". Rimango senza parole per 3 secondi, non voglio mica farmi misurare da questi che non sanno neanche dirti a che cosa corrispondono le loro taglie. Perchè chi lavora in un negozio non sa neanche dirti a che taglia europea corrisponde? Che non ci sono abbastanza stranieri in giro? Credono di non dover dare spiegazioni a nessuno? BAH!
Rassegnata chiedo se almeno posso cambiare il costume se non mi dovesse andare e l'intelligentone mi fa : "Sì, basta che non rimuovi l'adesivo igenico" e io "Grazie, se non me lo dicevi tu!!!"
Che cavolo, sono straniera mica scema!
Tornata a casa, l'ho provato al volo...Meno male, va bene!

10 Comments:

  • è normale che non le sai non ci stai mai al negozio!!!!!!!!!!!! su la maggior parte delle etichette ci sono tutte le taglie internazionali.

    By Anonymous tua sorella, at 5:46 PM  

  • Ah ah ah, tua sorella ti ha appena smaronato, come si dice a Padova e dintorni!!! E comunque non la si può fare cosí tragica, ero lí che mi aspettavo che ti fossi provata il costume nel bel mezzo del negozio, spogliandoti tipo "9 settimane e 1/2", tirando la biancheria addosso ai commessi...ma sei sicura di aver preso i due pezzi dello stesso costume ;-P????
    Vai Anto, che anche questa è fatta, adesso ti vogliamo vedere sul web col costume nuovo addosso! (e basta postare gatti, non si può!!!!Questo qui sotto cosa fa di professione, l'ipnotizzatore???)

    By Blogger cannella, at 7:39 PM  

  • In effetti un pò la faccia di ipnotizzatore ce l'ha... Però è così bello Tibs!

    By Blogger Sayuri, at 10:52 AM  

  • Chi non prova non puo' capire.
    In Italia il commesso di solito e' un "professionista" che fa questo lavoro da anni, e' gentile per natura e ti sa consigliare.
    In Inghilterra il commesso di solito e' un ragazzino neanche maggiorenne, che fino al giorno prima ha lavorato a friggere fish and chips surgelati, e gia' quello non gli riusciva bene.
    Non conosce le taglie, non conosce i modelli e non distingue i colori. Essendo inglese, e' assoluatamente negato per instaurare un rapporto con altri umani e quindi se ne sta in disparte guardando nel vuoto, cercando di smaltire la sbronza della sera prima e sognando casse di birra per quella della sera successiva.
    Se trattasi di commessa femmina, raggiunta la maggiore eta', una sera sara' talmente sbronza da restare in cinta di uno sconosciuto e fara' una dozzina di bambini.
    Se trattasi di commesso maschio, raggiunta la maggiore eta', una sera sara' talmente sbronzo da mettere in cinta una sconosciuta e diventera' un papa' modello.
    A 25 anni aprira' il suo negozio dove mettera' a lavorare due ragazzini…..

    E tutto questo senza voler generalizzare o usare luoghi comuni.

    :-)

    By Anonymous Roberto, at 11:24 AM  

  • Per mia sorella: scusami wonderwoman ma fra tutte le taglie non mi ricordavo quelle inglesi!lapsus freudiano?...tutte le altre le conosco:P
    Per Cannella: no,no, sul web con il costumino nuovo non mi ci vedi:D ...se vuoi ti mando una foto privatamente;)
    Per Sayuri: sì, sì, proprio carino :)
    Per Roberto: Che altro aggiungere? hai detto tutto! Mitico!:D

    By Blogger Gab, at 1:34 PM  

  • Gab,
    ma sei sicuro che quel costumino sia adatto per te? Non e' un po' sgambato? Ti depili il petto prima di metterlo?
    Non vedo l'ora di vedertelo indossato. :-)

    By Anonymous Roberto, at 2:07 PM  

  • anch'io dico sempre che il mio cognatino è bono!!!!!!!!! anche con il bikini!!! poi con il tuo colore nature quel costume ti starà una meraviglia!

    By Anonymous cognatina, at 4:32 PM  

  • Per Rob:Questo costume più la borsetta arancione di Fiore sai che figurino in spiaggia!
    Per la mia cognatina: Troppo buona!

    By Anonymous Gab, at 8:39 PM  

  • Certo che pretendere che le commesse inglesi sappiano a menadito le taglie italiane è proprio utopistico... vorrei conoscere la commessa italiana in grado di fare l'equivalenza nell'altro senso.
    Dunque, in Europa funziona così (più o meno, perché le taglie si basano su tipologie fisiche diverse da paese a paese):
    IT - 44
    DE - 38 (cosiddetta taglia europea)
    FR - 42
    UK - 12
    Una 12 UK non corrisponde ad una 12 US e il vero spasso comincia quando si tratta di taglie di biancheria intima (in Germania, per esempio, c'è un sistema complicatissimo, altro che 1^, 2^ e 3^...). Ben arrivata nell'Europa Unita!!

    By Anonymous isadora, at 8:11 AM  

  • Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    By Anonymous Anonimo, at 9:53 AM  

Posta un commento

<< Home